Phra Maha Chulalongkorn

Phra Maha Chulalongkorn

phra maha chulalongkorn

Phra Maha Chulalongkorn (Rama V) fu educato da Anna Leonowens insegnante inglese che lo formò sotto l’aspetto scientifico e culturale rendendolo un sovrano illuminato e saggio. Dopo aver finito gli studi e dopo aver visitato India, Singapore e Birmania salì al trono. Nei suoi 42 anni di regno Chulalongkorn raccolse l’eredità paterna continuando l’opera di riforma dello stato. Dopo aver abolito l’obbligo di prostrarsi al cospetto del Re, promosse l’istruzione pubblica e abolì la schiavitù (nel 1905) pratica che rendeva il Siam agli occhi di molti europei uno stato barbaro. A lui si deve anche una massiccia riorganizzazione dell’esercito, l’introduzione del telegrafo, la costruzione della prima ferrovia da Bangkok ad Ayutthaya (nel 1893) e la fondazione del primo museo nazionale e dell’università (nel 1887) che da lui prese il nome. Chulalongkorn riorganizzò l’amministrazione politica, suddividendo il paese in diciotto zone, ognuna delle quali era affidata ad un alto funzionario e ulteriormente divisa in provincie, distretti e villaggi. Nonostante il potere esecutivo fosse concentrato nelle sue mani, Chulalongkorn poteva contare per le decisioni da intraprendere, oltre che dai consiglieri europei, anche da due organi consultivi da lui istituiti: il Consiglio di Stato e il Consiglio del Sovrano, costituiti da nobili Siamesi di nomina regia. Era favorevole alle idee Europee e volle modernizzare il paese, tuttavia le sue prime riforme trovano una resistenza aperta da parte dell’alta nobiltà. Presto, una seria lotta di potere sfocia tra i Monarchi, il Lao dal Siam del Nord, e il Malay del Siam del sud. Durante tali sommosse il Siam era l’obiettivo dei grandi poteri Europei, Gran Bretania e Francia, che entrambi cercano di ridurre il Siam ad una colonia dei loro imperi. E’ ovvio che tutte le fazioni in lotta, che mantennero la libertà e la libera espressione del loro dissenso nel paese, entrano in conflitto, e ne scaturì un continuo tiro alla fune. Nei confronti dell’Europa il Siam deve preservare la sua apparenza di tranquillità a scapito di tutti i tumulti che stanno avvenendo. Il motto del Siam, “L’unità porta alla felicità” è pericolosamente vero per essere solo un detto, Rama V ancora oggi è il Re più amato e ricordato dai Thailandesi.

Nascita: Grand Palace Bangkok 20 settembre 1853
Regno: 1 ottobre 1868 – 23 ottobre 1910
Morte: Dusit Palace 23 0ttobre 1910