Immigrazione di Bangkok

Immigrazione di Bangkok

Durante un incontro i funzionari dell’immigrazione della Divisione 1 a ChaengWattana hanno chiarito che il modulo TM30 deve essere presentato ogni volta che uno straniero (non-immigrant) se ne va anche per soli ventiquattro ore in un’altra provincia della Thailandia e in aggiunta quando lo straniero torna a casa dall’estero l’unica eccezione sono gli stranieri in possesso di residenza permanente. Anche se questa è una vecchia legge, non tutti gli uffici di immigrazione intorno alla Thailandia la stanno applicando, ma questa è la prima volta che ho sentito che a ChaengWattana ha intenzione di farla rispettare ora. Un esempio che ci hanno dato è se vivi a Bangkok ma hai un condominio di tua proprietà a Pattaya, se vai via per il fine settimana, devi presentare tu stesso un TM30 come proprietario per dire che il tuo nuovo indirizzo è a Pattaya.Quando ritorni a Bangkok domenica sera, il tuo padrone di casa dovrà quindi presentare nuovamente la TM30 per informare l’immigrazione del tuo “nuovo” indirizzo. Un’altro esempio, se vai in un’altra provincia per il fine settimana e soggiorni in un hotel, ti presenteranno un TM30 per te. Tuttavia sia tu che il tuo padrone di casa dovrete presentare un altro TM30 al vostro ritorno “a casa”. Abbiamo chiesto loro più volte di questo e hanno detto che sì, il movimento dello straniero deve essere segnalato ogni volta senza eccezioni. Tuttavia in passato, i funzionari dell’immigrazione mi hanno detto che se vai a casa dei tuoi amici per il fine settimana e poi torni a casa non è necessario presentare un TM30. Questo perché nessuno sa che hai lasciato la tua casa. Sono fortunato che finora Samut Prakan sta applicando TM30 solo quando torni in Thailandia. Come puoi vedere negli esempi sopra, non considerano la nostra “casa” come una residenza permanente perché la maggior parte di noi sono non- immigrant. Ai loro occhi, ogni volta che restiamo a casa di un amico o addirittura in un hotel, lo considerano come la nostra nuova “casa” quindi, quando torniamo nel luogo che consideriamo la nostra casa, è necessario archiviare nuovamente un TM30. Tuttavia, hanno detto che se avessimo un contratto minimo di tre anni, lo considererebbero come nostro indirizzo permanente e non avremmo bisogno di presentare nuovamente un TM30 per la durata di quel contratto, ma poiché questo non sembra essere menzionato nella legge, dipenderà dalla considerazione dei funzionari dell’immigrazione di ogni ufficio. Una delle domande più comuni degli stranieri è perché ci sono così tanti moduli da fare con il nostro indirizzo? Dopotutto al nostro arrivo compiliamo il modulo TM6 (scheda di arrivo) con il nostro indirizzo. Quindi ogni 90 giorni compiliamo il modulo TM47 con il nostro indirizzo inoltre, c’è il modulo TM28 che serve per quando cambiamo indirizzo e il modulo TM30 per il proprietario della casa per denunciare gli stranieri nella loro residenza. Una semplice risposta a questa da parte dell’immigrazione è che non tutti gli stranieri compilano il TM6 in modo completo o addirittura corretto, lo stesso vale per il modulo TM47 ma ora che sono severi con i proprietari di file che archiviano TM30, possono verificare con il tuo modulo TM47 per vedere se stai nel posto che hai dichiarato, e non pensare che non verranno nel tuo condominio per controllare. Quindi arriviamo alla domanda sul perché ci stanno facendo questo. Odiano davvero tutti gli stranieri? La risposta rapida data da loro ieri sera è stata che sono certi che tutti tra il pubblico sono bravi ragazzi, ma sfortunatamente c’è una piccola minoranza di stranieri che hanno l’intenzione di causare danni alla Thailandia quindi, al fine di mantenere la città sicura, devono applicare rigorosamente la legge così come è scritta. “La legge è stata scritta con l’intenzione di controllare i cattivi”, ha detto uno dei funzionari dell’immigrazione ieri sera. “Se sei uno dei bravi ragazzi, non preoccuparti non siamo così stupidi fidatevi di me. ”Sfortunatamente non è proprio quello che sta accadendo, i loro metodi hanno portato noi bravi ragazzi ad avere danni collaterali in questa guerra contro i cattivi. Alcuni hanno commentato che è come se l’immigrazione colpisse una zanzara con una mazza. Per qualche motivo, non sembrano preoccuparsi del danno che stanno causando, si è parlato molto che questa saga di TM30 influenzerà il turismo sì e no. La maggior parte dei turisti non deve preoccuparsi di TM30 poiché gli hotel in cui alloggiano archiviano il TM30 online. L’unica volta che potrebbero affrontare un problema è se devono andare all’immigrazione per fare qualcosa come prolungare il loro soggiorno. In questi giorni tutto è online e quando visiti l’immigrazione possono vedere sullo schermo la tua storia completa, compresi tutti i luoghi in cui sei stato in Thailandia. I turisti potrebbero avere un problema se fossero rimasti a casa di un amico, o fondamentalmente in una delle tante pensioni e hotel che operano illegalmente, è probabile che nessuno di questi proprietari abbia presentato un TM30 soprattutto perché non vogliono che l’uomo delle tasse sappia che stanno facendo dei soldi. Ciò significa che l’immigrazione rifiuterà di fare qualsiasi cosa fino a quando qualcuno non pagherà la multa nove volte su dieci, questo sarà probabilmente lo straniero la multa è compresa tra 800 Baht e 2.000 Baht. Secondo l’mmigrazione ci sono tre metodi “semplici” per informare l’immigrazione sugli stranieri nella loro residenza. E per essere chiari qui, i proprietari di case includono le mogli o mariti thailandesi, i tuoi amici thailandesi o anche i tuoi amici stranieri. L’unica eccezione è se si possiede il proprio condominio e quindi è possibile presentare un rapporto su di te.
Quindi, tornando ai tre metodi:
(1) Riferire ai funzionari dell’ufficio locale di polizia in materia di immigrazione
(2) Inviare il modulo e i documenti giustificativi all’ufficio immigrazione locale per posta raccomandata
(3) Registrare e inviare i documenti online

L’ultimo metodo è quello che l’immigrazione vuole che i proprietari facciano come si dice sia rapido e semplice ma, in realtà è tutt’altro. Il primo problema è che dopo esserti registrato e presumendo che tu possa farlo funzionare, potrebbero essere necessarie diverse settimane se non più tempo per ottenere un nome utente e una password. Alcune persone mi hanno detto che stavano aspettando da otto settimane. L’immigrazione afferma che ciò è dovuto al fatto che devono verificare ogni singola domanda. Ma stanno anche avendo problemi con il sistema, ovviamente avrebbero dovuto disporre di tutto ciò prima di iniziare a far rispettare la legge non dopo. Se pensi che tutto ciò stia causando mal di testa solo agli stranieri, ripensaci. I proprietari thailandesi sono anche arrabbiati per l’applicazione della forma TM30 molti di loro hanno più proprietà e non sono contenti di dover continuare a compilare il modulo TM30. Sì, esiste una versione online ma come tutti sappiamo il sistema è molto inaffidabile e la maggior parte deve andare direttamente all’immigrazione. Il problema è che molti espatriati sono uomini d’affari che fanno frequenti viaggi all’estero. Il padrone di casa deve andare all’immigrazione ogni volta che lo straniero ritorna in Thailandia, lo stesso vale per i viaggi in altre province della Thailandia se anche il loro ufficio locale per l’immigrazione lo impone. È arrivato al punto che stiamo iniziando a vedere insegne nei condomini che dicono “niente stranieri” dato che è troppo una seccatura per i proprietari. Quindi cosa possiamo fare per semplificarci la vita l’immigrazione afferma che stanno lavorando al problema e stanno producendo applicazioni per il tuo smartphone che renderanno i rapporti facili e veloci, il primo già in uscita è “Section38” che è per la segnalazione di TM30 cercalo sul Playstore o nell’app.Store. Mi è stato detto che presto ci saranno applicazioni per TM47 e persino TM6. Con la prima applicazione l’immigrazione suggerisce di ottenere la registrazione online del padrone di casa o tramite questa app. quindi una volta impostato hanno chiesto al padrone di casa il nome utente e la password in modo da poterlo segnalare ogni volta utilizzando questa app. Tuttavia non sono sicuro che i proprietari sarebbero felici di trasmettere le password al momento, non molti di loro sono cooperativi, alcuni non vivono nemmeno nella contea, figuriamoci nella stessa provincia. Ma, ieri funzionari dell’immigrazione hanno affermato di essere ben consapevoli dei problemi che sta causando e che stanno lavorando per migliorarlo, un funzionario ha anche detto più volte “non siamo stupidi”. Penso davvero che gli sforzi del gruppo di espatriati nel nord-est della Thailandia per mettere insieme una petizione, e la successiva storia editoriale e in prima pagina sul Bangkok Post, le molte lettere al direttore del Bangkok Post e i cartoni editoriali di Stephff, hanno fatto tutti la differenza si sono seduti e stanno ascoltando ma non dovremmo fermarci qui. Abbiamo ancora bisogno sia della chiarezza della legge sia della coerenza della sua applicazione. Come tutti sappiamo, gli uffici provinciali per l’immigrazione non interpretano tutti la legge allo stesso modo della sede centrale di Bangkok.

Modulo in formato PDF (TM30) scarica file.

Comments are closed.